Chiudere un occhio, vedere lontano

CitazioneAll’inizio si ipotizzò che la mia maestra fosse un po’ svampita.
Metteva sempre BRAVISSIMA ai miei temi, eppure quando mia madre andava a leggerli, trovava un sacco di errori.
La prima volta pensò che la maestra fosse distratta.
La seconda pensò che magari non vedeva bene, visti gli occhiali che portava. La terza le telefonò per capire come mai non sottolineasse gli evidenti errori di grammatica che facevo nei miei temi.
E lei le rispose: “Signora, non lo faccia. Sua figlia quando scrive ha una grande fantasia, scrive di getto e con entusiasmo, se le facessimo notare gli errori potrebbe bloccarsi. Così invece si correggerà da sola man mano che studieremo la grammatica, senza perdere il piacere della scrittura.”
Quella maestra è diventata nel tempo una di famiglia, presente in ogni occasione speciale come una nonna saggia a cui dobbiamo tanto.
I suoi BRAVISSIMA mi hanno sproporzionatamente aiutata a non perdere il piacere della scrittura. Al punto che la scrittura è diventata la mia vita.
E io spero che questa storia possa servire a tanti adulti che hanno paura degli errori dei bambini.CitazioneManuela Salvi, scrittrice per ragazzi

 

4 risposte a “Chiudere un occhio, vedere lontano”

  1. Penso che quella maestra fosse una maestra di vita. Sono pienamente d’accordo nel non creare ostacoli alla fantasia e all’estro o creare ostacoli legati ad errori formali e del tutto correggibili .

  2. Vedere lontano…i bambini sono il futuro e il futuro ha bisogno di fiducia, creatività, spirito critico, consapevolezza e responsabilità. Lo sanno bene le maestre che guidano i bambini ad esprimere le loro potenzialità, a non scoraggiarsi, ad essere se stessi in autonomia e libertà perchè vedono in loro gli uomini di domani,gli uomini che sapranno costruire un mondo migliore.

    1. Grazie Vanda per questo commento. Qualunque evoluzione positiva possiamo aspettarci dal futuro, non potrà che prendere il via dall’attenzione a questi temi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *