Michael Jackson, the Smooth Criminal

Non sono molti gli avvenimenti così segnanti da imprimere un’istantanea geolocalizzata nella nostra memoria.

Nel ’97 a Como seppi dello schianto di Lady Diana: ero un ragazzino, ma l’ammirazione che mia madre nutriva per quella donna mi colpì. Anni dopo, nel più famigerato 11 settembre, muovevo i primi passi tra i banchi dell’università, per dei corsi propedeutici. 10 anni fa mi trovavo invece a La Spezia, quando mi raggiunse la notizia della morte di Michael Jackson.

Il decennale della sua morte non sarà celeBrato, né la nostalgia troverà spazio, dopo la diffusione del documentario “Leaving Neverland”. È difficile farsi un’idea: innocentisti e colpevolisti smontano le rispettive tesi con disarmante accuratezza. Se le vicende legali si conclusero con l’assoluzione, rimangono le ombre gettate dagli accordi extragiudiziari e le testimonianze poi ritrattate.

Genio del pop e ballerino formidabile, Michael Jackson ha segnato un’impronta indelebile nella storia della musica e dell’intrAttenimento. Nell’epoca del movimento #metoo, il dubbio che abbia lasciato impronte indelebili di altra natura nella psicologia e nella vita di tante persone, è lo spunto per l’avvio di una generale revisione mediatica sulla sua eredità artistica e umana.

Questo blog è un laboratorio per il mio ego, concepito per potermi esprimere senza vincoli, ma la delicatezza di certi temi impone comunque sensibilità e attenzione. Pancia o politically correct? Sono paDre di più figli e questo mi ha reso un abile mediatore. Opto per la scelta paracula: omaggio Michael Jackson, scolpendolo nei panni dello Smooth Criminal.

81 Condivisioni

Una risposta a “Michael Jackson, the Smooth Criminal”

  1. anch’io ricordo cosa ho provato e dove mi trovavo in questi momenti che sono rimasti indelebili nel tempo….
    sei un grande mediatore, apprezzo quello che hai scritto
    complimenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *